CHI SIAMO

I COACH DELLA ASD TK DIRT E CO, REALIZZATORI DEL METODO NEXT LEVEL, IDEATORI DEL BIKEPARK TK DIRT E CO, GESTORI DELLA ASD DI BMX FREESTYLE CHE CONTA AD OGGI PIU' DI 900 SOCI, SI SONO FORMATI IN ITALIA E ALL'ESTERO PER RINNOVARE LA BMX IN ITALIA E DARLE UNA SPINTA A CRESCERE.

Riccardo Mantovani

Founder e Presidente Associazione TK DIRT E CO

''[...] Nel 2018 dopo un brutto incidente con la moto iniziai ad insegnare la BMX Freestyle sia a bimbi che adulti con il nostro metodo, il metodo “Next Level” e non c’è cosa che mi renda più orgoglioso dei miei allievi!''

Matteo Zito

Founder e Vice Presidente Associazione TK DIRT E CO

''[...] Iniziammo a costruire il TK Dirt &co con l’obbiettivo di promuovere il nostro sport e permettere a chi lo vuole di entrare in un mondo incredibile!

Ora sono finalmente ISTRUTTORE BMX FREESTYLE e non vedo l’ora di insegnare tutto cio’ che so’! ci vediamo in park per una session!!''

Vittorio Galli

Founder e Coach Ufficiale Associazione TK DIRT E CO

''[...] così da potermi divertire ed allenare in tutta sicurezza e posso assieme ai miei amici colleghi (Matteo e Riccardo) dare così la possibilità a tantissime persone di qualsiasi età di potersi avvicinare a quella che è una bellissima realtà sportiva ricca di eventi organizzati da noi con tanta esperienza nel settore e con tantissima passione.
La bmx è  parte della mia vita al 110%.''

RICCARDO MANTOVANI

Classe ’93, nato e cresciuto a Milano.


Presidente, Co-fondatore e Coach TK DIRT E CO.

Nel 2016 insieme a Matteo Zito e Vittorio Galli abbiamo aperto l’associazione TK DIRT E CO.

Sono sempre stato appassionato degli sport adrenalinici e dinamici.

Fin da piccolo giravo con la mia bicicletta per i parchi di Milano ad impennare, saltare e sgommare fino a quando non mi parlarono di una certa tipologia di bicicletta, la BMX, con la quale si potevano fare le acrobazie.

Anche se non avevo idea di cosa si parlasse, ne ero già affascinato!

Non esisteva ancora la famosa piattaforma web di contenuti multimediali, quindi trovare video della BMX era molto difficile, fino a quando un giorno per caso vidi in televisione Dave Mirra (detentore del record del maggior numero di medaglie vinte agli X GAMES fino al 2013) che con quella piccola bicicletta faceva “tricks” incredibili ....avevo capito che le volevo fare pure io!

A dieci anni mia mamma mi regalò la mia prima BMX e fortunatamente conobbi un posto a Milano all’interno del circolo A.R.C.I. Olmi Milano facile da raggiungere in bici, dove poter imparare autonomamente ad utilizzare la BMX, il “Terrakruda”.

Non era un posto che rispecchiava quella disciplina perché era una pista da “BMX Race”, ma è stata fondamentale per l’approccio alla “BMX FREESTYLE”.

In quel posto conobbi dopo parecchi mesi Matteo Zito e Vittorio Galli che scoprì volevano crescere nella BMX FREESTYLE.

Dopo anni di riding e duro lavoro (per quello che poteva fare un ragazzino delle medie) per trasformare quel pistino in un circuito da BMX/MTB Freestyle, la vecchia gestione la abbandonò facendo sì che il sogno di avere un pistino dietro casa finisse e negli anni a seguire non fosse più riconoscibile.

Non avendo più a disposizione il Terrakruda cercai nuovi posti dove potermi divertire e progredire ma nessuno mi soddisfaceva abbastanza quanto quel “pistino”.

I pochi posti che c’erano in Italia erano “Skatepark” comunali ed oltre ad essere pochissimi e non comodi da raggiungere, c’erano sempre difficili situazioni da gestire ma fortunatamente riuscii a cavarmela migliorando anche il mio livello di riding.

Partecipai anche ad alcune gare di BMX Freestyle, ma, non potendo ancora guidare e muovermi facilmente per l’Italia, essendo ancora minorenne, decisi che avrei dovuto divertirmi come potevo.

Dopo anni tra piccoli infortuni, frustrazione ed insoddisfazione decisi quindi di tornare al quartiere degli Olmi dove ero cresciuto per verificare se ci fosse la possibilità di ripristinare qualche salto per potermi divertire un pò.

Il posto era diventato qualcos’altro....

una jungla alle porte della città!

Prendendo accordi con il Presidente di allora dell’A.R.C.I. decido quindi, di stravolgere la vecchia concezione di pista per poterla utilizzare il prima possibile.

Dopo aver realizzato tre panettoni mi accorsi che era più stancante tornare al punto di partenza che saltare, quindi decisi che la linea di salti doveva in qualche modo riportami alla partenza...

...idea che a quell’epoca era inimmaginabile!

Non scoraggiato dall’impresa mi ritrovai di nuovo con il supporto di Matteo e Vittorio. Insieme ci rimboccammo le maniche e iniziammo con i lavori.

Ci mettemmo anni a terminare la linea di ritorno perché eravamo sovvenzionati solo da noi stessi e dalle nostre forze, lavoravamo quando potevamo solo con pale, picconi e rastrelli.

Avevamo capito che non era sufficiente quindi nel 2016 decidemmo di aprire l’A.S.D. TK DIRT E CO per poter far divertire altri come noi e con l’aiuto dei nostri soci realizzammo altre strutture presenti solo all’estero, portandole finalmente anche in Italia:

La “Foampit”(vasca con all’interno gomma piuma); atterraggio con “Mulch”(cippato, atterraggio semi morbido) e l’atterraggio con “Resi”(materiale plastico innovativo semi morbido migliore del “Mulch” per le BMX).

Iniziammo ad organizzare eventi sportivi per far conoscere il bikepark in tutt’Italia facendolo crescere a tal punto che ad oggi ci sono tredici salti, una Pumptrack, una Foampit, due salti con atterraggio in Resi e un quarter-Resi. In fase finale anche una Pool o Bowl in terra, la prima in Italia e forse anche nel mondo.

Tutte strutture che mi sognavo a dieci anni e che in italia non c’erano, soprattutto concentrate in un solo bikepark.

Nel 2018 dopo un brutto incidente con la moto iniziai ad insegnare la BMX Freestyle sia a bimbi che adulti con il nostro metodo, il metodo “Next Level” e non c’è cosa che mi renda più orgoglioso dei miei allievi!

Sono orgoglioso di quello che abbiamo realizzato perché ora ho un Lunapark personale dove divertirmi e dare la possibilità a chi come me si è innamorato/a di questo sport a divertirsi passando da neofita a professionista in sicurezza!

MATTEO ZITO

Classe 91, nato e cresciuto a Milano.

 Iniziai a girare in BMX 16 anni fa proprio in quello che ora é il TK Dirt &co, giravo in BMX ma non ne ero realmente cosciente,

semplicemente,  tutti i giorni l’appuntamento era alle 16.30 “alla pista”.

 Andavo a girare con Riccardo Mantovani, inizialmente, e non sapevamo niente a proposito di quello che facevamo, saltavamo e ci gasavamo a vicenda.

 Ai tempi non era un vero e proprio BIKEPARK ma c’erano dei piccoli salti, che però bastarono a far si che fosse frequentato da quelli che erano i maggiori esponenti della BMX italiana,

 non posso non citare Ivan Piloti, Alessandro Barbero e Fabio Limonta, Roberto Borgonovo, che divennero per noi esempi da seguire.

 Fu in quel periodo che qualcosa dentro di me cambiò, abbandonai lo sport che ai tempi praticavo (hockey) per darmi al 100% alla BMX!

Nel frattempo conobbi anche Vittorio Galli, Jacopo e Federico Tarantino e Luca ‘Lucio’ Tomé che come me si stavano avvicinando a questo sport, da quel momento nacque una amicizia che dura tutt’ ora, legati dalla stessa passione!

 Dopo un primo periodo ad informarsi ed apprendere ogni giorno cose nuove sullo sport che praticavamo, trick dopo trick, abbiamo iniziato a partecipare alle jam, fino ad arrivare a non mancare ad un contest!

 Esperienze irripetibili e risultati soddisfacenti ai contest svilupparono in me la voglia di migliorare sempre di più, ma la vera e propria spinta arrivò da un caro amico e rider che tutt’ ora ringrazio: Nino Pasquarella,

 diventò per me un grande punto di riferimento, giravamo insieme quasi tutti i giorni dopo il lavoro, tra parco Lambro e IL BUTTA BMX a Pavia,

 avevo 18 anni,

 mi motivava ad andare avanti e a non mollare, fin che non insistette per andare ad allenarsi all’estero,

 iniziarono per me una serie di viaggi mirati al puro allenamento su strutture che purtroppo in italia non c erano.

 A 19 anni vinco ad un piccolo contest a Caselle, GE., prima vincita e primo infortunio al ginocchio con rottura del legamento crociato anteriore.

 Decido di farmi operare e dopo un estenuante riabilitazione riprendo a girare in BMX, dopo un anno dalla rottura ero di nuovo a Liverpool ad allenarmi per tornare più forte di prima.

 Riprendono allenamenti e contest per 3 bellissimi anni, pieni di soddisfazioni ed emozioni uniche vissute con gli amici di sempre!

 A 24 anni la seconda rottura del ginocchio, di nuovo ad un contest, decisi di non competere più.

 Dopo un primo periodo vissuto nello sconforto capii che la BMX non si poteva abbandonare e che ormai era parte di me, e dovevo far qualcosa per rimanere nell’ ambiente e di conseguenza essere felice!

 Iniziammo a costruire il TK Dirt &co con l’obbiettivo di promuovere il nostro sport e permettere a chi lo vuole di entrare in un mondo incredibile!

 Ora sono finalmente ISTRUTTORE BMX FREESTYLE e non vedo l’ora di insegnare tutto cio’ che so’! ci vediamo in park per una session!!

VITTORIO GALLI  

Ciao a tutti!
Mi chiamo Vittorio Galli  e sono un atleta professionista di BMX FREESTYLE.
Pratico la disciplina sin dall’età di 12 anni.
Ho scoperto il mondo della bici da piccolo, la bmx in particolar modo vedendo in televisione gli Xgames ( gara di bmx freestyle a livello mondiale).
All’inizio era per me un semplice passatempo, utilizzavo la bmx per spostarmi ed uscire con i miei amici.
In seguito la bmx per me è diventata un hobby, uno sport ed infine uno vero e proprio stile di vita.
Ho iniziato a prender parte alle jam (”raduni” di praticanti della disciplina) ed alle competizioni in tutta la penisola italiana.
A 17 anni ho preso parte ai BMX WORLDS (ex coppa del mondo di bmx) tenutasi a Colonia in Germania.
Così ho cominciato a prender parte alle competizioni europee.
La bmx sarà sport olimpico nel 2020! e quindi chi lo sa cosa mi riserverà il futuro.
Intanto continuo a lavorare al bikepark così da potermi divertire ed allenare in tutta sicurezza e posso assieme ai miei amici colleghi (Matteo e Riccardo) dare così la possibilità a tantissime persone di qualsiasi età di potersi avvicinare a quella che è una bellissima realtà sportiva ricca di eventi organizzati da noi con tanta esperienza nel settore e con tantissima passione.
La bmx è  parte della mia vita al 110%.
Ci vediamo al bikepark!
Ciao!